Menu

Quello che ho guardato: Heather EwartQuello che ho guardato: Heather Ewart

BackRoads torna in ABC il Lunedi con la conduttrice Heather Ewart, che è una fan di Gogglebox, Mystery Road e anche Tiger King.

Ecco cos’altro guarda…

Quali programmi sono nella tua lista TV imperdito ultimamente?
HE: Lunedì sera sulla ABC come sempre stato la visione obbligatoria nella nostra famiglia – perché pensiamo che sia una linea informativa e divertente di notizie e spettacoli di attualità, fino a Q & A.

In che modo il blocco ha influito sulla visualizzazione?
HE:: Sono un vecchio segucro, ma anche per quegli standard, abbiamo guardato molto di più del canale ABC News, soprattutto nelle prime fasi, cercando di rimanere in tutto e capire cosa stava succedendo. Ci siamo anche rivolti a Netflix e ABC iview per aggiornarci su film, serie e drammi che ci mancava, come Mystery Road. Non ha potuto resistere alla strana serie Tiger King su Netflix, dopo così tante chiacchiere sui social media su di esso e finalmente avuto modo di vedere i film Piccole donne [ la versione 2019] e Jojo Rabbit.

Quale spettacolo di piacere colpevole sei riluttante ad ammettere di guardare?
HE: Ho sempre avuto un debole per Midsomer Murders. La mia famiglia mi prendere in giro per questo. Ho visto così tante repliche, so sempre chi è l’assassino. E adoro anche Gogglebox il 10.

Quando ti stabilisci per una notte sul divano, quali sono i tuoi must have
HE: Un bicchiere di vino bianco, alcuni cioccolatini decenti e l’accesso al telecomando – che può essere piuttosto una battaglia.

In quale spettacolo vorresti segretamente apparire?
HE: Gogglebox

Cosa sta arrivando su BackRoads e qual è stato il tuo punto forte personale?
HE: Iniziamo con un viaggio attraverso il Nullarbor – prendendo in tutti i luoghi incredibili, suoni e persone che troverete quando in realtà si dà il tempo di fermarsi e spegnere la strada principale. Il punto forte dovrebbe essere l’osservazione delle balene all’alba sulle scogliere della Grande Baia Australiana. Andiamo anche alla città balneare di Penguin in Tas, Omeo nell’alto paese vittoriano, e molti altri. Ora non c’è nessun viaggio internazionale per gli australiani per il prossimo futuro, spero che gli spettacoli faranno capire agli spettatori che c’è così tanto da esplorare e godere proprio qui a casa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Post correlato