Menu

Nove giornalisti di News hanno attaccato a Londra scontriNove giornalisti di News hanno attaccato a Londra scontri

Due Nove giornalisti sono stati attaccati negli scontri di Londra.

Il corrispondente europeo Ben Avery è stato teso un’imboscata da parte della folla mentre era in onda, riportando le proteste che si sono sproposte a Londra giovedì mattina.

Mentre parlavano con Karl Stefanovic e Allison Langdon in Today poco dopo le 5.30 del mattino, Avery e il suo operatore Cad Thompson sono stati afferrati da folle arrabbiate e costretti a fuggire.

In seguito disse: “Sembrava che ci fosse un ufficiale di polizia per ogni singolo manifestante lì in quel momento, ma non ha fatto molta differenza. Erano così arrabbiati ed erano così dopo di noi in quella fase che anche uno della polizia mi ha detto che non c’è molto che potessero fare.”

Ieri un altro dei corrispondenti europei di Nine, Sophie Walsh, è stato attaccato da un uomo che ha fatto mozioni per pugnalarla durante la sua croce dal vivo al Brenton Ragless di 9News Adelaide. L’uomo si avvicinò a lei e gridò le parole “Allah Akbar”.

Walsh urlò mentre la afferrava.

L’uomo fu poi inseguito e trattenuto dal camera operator di Nine, Jason Conduit, e da altri astentori sulla scena fino all’arrivo della polizia.

Non è chiaro se l’uomo fosse armato con un cacciavite, tuttavia da allora è stato arrestato per minacce di uccidere e possedere un’arma offensiva.

Walsh è stato scosso dall’incidente, ma è illeso.

All’inizio di questa settimana Amelia Brace di Sunrise e il suo cameraman Tim Myers sono stati aggrediti dalla polizia antisommossa durante un cross in diretta dall’esterno della Casa Bianca a Washington, D.C.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Post correlato